4 L’insegnamento dell’italiano

4.2 L’insegnamento dell’italiano a Ginevra

A Ginevra l’italiano non è materia d’insegnamento alla scuola dell’obbligo, ma è materia facoltativa in varie scuole secondarie. Qui di seguito illustrerò brevemente i tipi di scuola che offrono l’insegnamento dell’italiano oltre al liceo, per fornire una panoramica dell’offerta del Cantone.

4.2.1 Corsi nelle scuole pubbliche

Tutte le scuole secondarie pubbliche del canton Ginevra offrono l’insegnamento dell’italiano.

Oltre ai licei96 vi sono in particolare le scuole di cultura generale97 e i centri di formazione                                                                                                                

96 Di questa categoria fa parte anche il Collège pour adultes Alice Rivaz, che offre corsi di italiano a vari livelli.

Come evidenziato da Federica Rossi, coordinatrice della formazione degli insegnanti di italiano per le scuole secondarie nel Cantone presso l’Institut universitaire de formation des enseignants dell’Università di Ginevra, il programma è determinato internamente e rispetto agli altri licei vi è dunque maggiore libertà, ad esempio, nella scelta dei testi o degli autori da trattare.

97 Come spiegato da Rossi, le scuole di cultura generale offrono dei corsi di italiano ripartiti su 3 anni (ovvero tutta la durata del percorso di base). Nei primi due anni il programma è focalizzato sull’acquisizione delle

professionale (che comprendono, ad esempio, le scuole di commercio98 e le scuole per apprendisti99). Vi è infine un progetto che potrebbe avvicinare gli studenti ginevrini alla lingua italiana già prima del termine della scolarità obbligatoria e che potrebbe dunque influire positivamente sulla loro motivazione e sul loro interesse per la lingua e la cultura italiana e svizzeroitaliana più avanti: si tratta di corsi di italiano (in due livelli, principianti e avanzato) destinati agli allievi di scuola media e gestiti dal Département de l’instruction publique, de la culture et du sport (DIP), che si terranno il mercoledì pomeriggio a partire da settembre 2015100. organizzati dall’Università di Ginevra nel quadro della formazione continua e denominati

“L’Italie: langue, culture et societé”102. Federica Rossi, coordinatrice della formazione degli insegnanti di italiano per le scuole secondarie del Cantone presso l’Institut universitaire de formation des enseignants dell’Università di Ginevra e insegnante dei corsi per adulti, ha spiegato che la richiesta è elevata, fatto molto positivo poiché significa che gli adulti del Cantone si interessano alla lingua e alla cultura italiana.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         

competenze linguistiche e in seguito viene introdotta la letteratura, ma con un grado di complessità e difficoltà inferiore rispetto ai licei (si leggono prevalentemente testi semplici o semplificati, articoli di giornali e racconti).

Tra le scuole di cultura generale c’è anche la Jean Piaget, che comprende l’Ecole de culture generale pour adultes. Anche quest’ultima ha un programma di insegnamento dell’italiano che viene determinato internamente.

98 Le scuole di commercio ginevrine offrono corsi di italiano sui quattro anni, con una focalizzazione particolare sull’uso in ambito commerciale. Come riferitomi da Rossi, si riscontra una certa difficoltà nel trovare insegnanti che siano formati nell’insegnamento dell’italiano e che abbiano anche sufficienti conoscenze commerciali:

buona parte dei docenti di italiano è infatti laureata in lettere.

99 Come mi è stato spiegato da Rossi, vi sono molte scuole per apprendisti e offrono anch’esse l’insegnamento dell’italiano, anche se per poche ore settimanali.

100 Indicazioni in parte fornite da Federica Rossi e in parte tratte dall’opuscolo 2015-16 sul cycle d’orientation consultabile alla pagina: https://www.ge.ch/co/doc/brochure_co.pdf. Maggiori informazioni possono essere trovate rivolgendosi alla segreteria del Service de l’enseignement, de l’évaluation et du suivi de l’élève (SEESE) della Direction générale de l’enseignement obligatoire (DGEO) del canton Ginevra.

101 Maggiori informazioni in merito possono essere trovate alla pagina:

http://www.consginevra.esteri.it/Consolato_Ginevra/Menu/La_Comunicazione/ufficio_scuola/

102 Questi corsi si rivolgono a un pubblico con vari livelli di conoscenze. Come mi ha spiegato Rossi, i partecipanti hanno età e background molto variati. Alcuni vi partecipano semplicemente per interesse, altri per necessità lavorative e altri ancora perché sono di origine italiana e desiderano approfondire le proprie conoscenze. Altri li scelgono invece con l’obiettivo di ottenere il certificato C1.

Maggiori informazioni possono essere trovate alla pagina: http://www.unige.ch/formcont/italie.html

Vi è poi la Società Dante Alighieri, già menzionata nel capitolo 3 dedicato alle iniziative a difesa dell’italiano in Svizzera, il cui comitato di Ginevra103 organizza corsi di tutti i livelli e anche corsi di italiano commerciale, di conversazione, un corso per i più giovani e preparazioni per esami di maturità e di certificazione delle competenze nella lingua italiana.

L’Université Populaire del Canton Ginevra104 offre anch’essa corsi di italiano, che si tengono al Collège Voltaire. I docenti dell’Université Populaire lavorano su base volontaria e i costi dell’iscrizione sono molto modesti: lo scopo della scuola è infatti quello di essere accessibile a tutti, fattore molto positivo poiché permette alle persone di tutte le estrazioni sociali di avvicinarsi alla lingua italiana. I corsi di italiano vanno dall’A1 al B1105 e comprendono anche un corso di conversazione.

L’italiano viene insegnato anche in diverse scuole private di Ginevra. Vi è poi il liceo privato Pareto con le sue tre sedi nel canton Vaud (Losanna, Mies e Aubonne), frequentato anche da studenti che risiedono nel canton Ginevra. La sua particolarità è quella di offrire una formazione bilingue italiano-francese, al termine della quale gli studenti conseguono contemporaneamente due diplomi: il baccalauréat francese e l’Esame di Stato italiano. Come indicato sul sito internet della scuola, poiché l’italiano è introdotto progressivamente, il percorso bilingue non preclude i non italofoni (www.liceo-pareto.ch).

Vi sono infine numerose scuole di lingua private che prevedono anche corsi di italiano a vari livelli e permettono di ottenere una certificazione riconosciuta all’estero.

L’offerta di corsi di italiano nel Cantone è dunque ampia e variata ed è sintomo dell’esistenza di una richiesta in tal senso, fatto anch’esso senza dubbio positivo. Nonostante quella di Dante sia una lingua di minoranza nel Paese, nel Cantone sono in molti ad avere origini italiane o svizzeroitaliane o a voler semplicemente approfondire un proprio interesse personale per la lingua.

Tratterò ora più nei dettagli un particolare contesto di insegnamento dell’italiano a Ginevra: i licei.

                                                                                                               

103 Maggiori informazioni sui corsi della Società Dante Alighieri di Ginevra possono essere trovate alla pagina:

http://dantealighierigeneve.ch/index.php/fr/l-ecole

104 Maggiori informazioni sui corsi di italiano dell’Université Populaire del Canton Ginevra possono essere trovate alla pagina: http://www.upcge.ch/it/

105 Secondo il quadro comune europeo. Per maggiori informazioni in merito si veda la pagina:

http://www.coe.int/t/dg4/linguistic/cadre1_FR.asp

4.3 L’insegnamento dell’italiano nei licei ginevrini

Dans le document L'italiano in Svizzera : più lingua nazionale e ufficiale o più lingua di minoranza ? Politiche linguistiche, iniziative in sua difesa e modalità d'insegnamento (Page 83-86)