Disponible à / Available at permalink :

257  Download (0)

Texte intégral

(1)

- - -

- - -

Dépôt Institutionnel de l’Université libre de Bruxelles / Université libre de Bruxelles Institutional Repository

Thèse de doctorat/ PhD Thesis Citation APA:

Bastiaensen, M. (1980). L'ariosto e i colori: studio sull'espressione cromatica nelle opere italiane non teatrali in versi (Unpublished doctoral dissertation).

Université libre de Bruxelles, Faculté de Philosophie et Lettres, Bruxelles.

Disponible à / Available at permalink : https://dipot.ulb.ac.be/dspace/bitstream/2013/214022/1/5a550159-7ee8-4804-9011-5455294b59b5.txt

(English version below)

Cette thèse de doctorat a été numérisée par l’Université libre de Bruxelles. L’auteur qui s’opposerait à sa mise en ligne dans DI-fusion est invité à prendre contact avec l’Université (di-fusion@ulb.ac.be).

Dans le cas où une version électronique native de la thèse existe, l’Université ne peut garantir que la présente version numérisée soit identique à la version électronique native, ni qu’elle soit la version officielle définitive de la thèse.

DI-fusion, le Dépôt Institutionnel de l’Université libre de Bruxelles, recueille la production scientifique de l’Université, mise à disposition en libre accès autant que possible. Les œuvres accessibles dans DI-fusion sont protégées par la législation belge relative aux droits d'auteur et aux droits voisins. Toute personne peut, sans avoir à demander l’autorisation de l’auteur ou de l’ayant-droit, à des fins d’usage privé ou à des fins d’illustration de l’enseignement ou de recherche scientifique, dans la mesure justifiée par le but non lucratif poursuivi, lire, télécharger ou reproduire sur papier ou sur tout autre support, les articles ou des fragments d’autres œuvres, disponibles dans DI-fusion, pour autant que :

Le nom des auteurs, le titre et la référence bibliographique complète soient cités;

L’identifiant unique attribué aux métadonnées dans DI-fusion (permalink) soit indiqué;

Le contenu ne soit pas modifié.

L’œuvre ne peut être stockée dans une autre base de données dans le but d’y donner accès ; l’identifiant unique (permalink) indiqué ci-dessus doit toujours être utilisé pour donner accès à l’œuvre. Toute autre utilisation non mentionnée ci-dessus nécessite l’autorisation de l’auteur de l’œuvre ou de l’ayant droit.

--- English Version ---

This Ph.D. thesis has been digitized by Université libre de Bruxelles. The author who would disagree on its online availability in DI-fusion is invited to contact the University (di-fusion@ulb.ac.be).

If a native electronic version of the thesis exists, the University can guarantee neither that the present digitized version is identical to the native electronic version, nor that it is the definitive official version of the thesis.

DI-fusion is the Institutional Repository of Université libre de Bruxelles; it collects the research output of the University, available on open access as much as possible. The works included in DI-fusion are protected by the Belgian legislation relating to authors’ rights and neighbouring rights.

Any user may, without prior permission from the authors or copyright owners, for private usage or for educational or scientific research purposes, to the extent justified by the non-profit activity, read, download or reproduce on paper or on any other media, the articles or fragments of other works, available in DI-fusion, provided:

The authors, title and full bibliographic details are credited in any copy;

The unique identifier (permalink) for the original metadata page in DI-fusion is indicated;

The content is not changed in any way.

It is not permitted to store the work in another database in order to provide access to it; the unique identifier (permalink) indicated above must always be used to provide access to the work. Any other use not mentioned above requires the authors’ or copyright owners’ permission.

(2)

UNIVERSITE LIBRE DE BRUXELLES

FACULTE DE PHILOSOPHIE ET LETTRES

Michel Bastiaensen

L'ARIOSTO EICOLORI

Studio sull'espressione cromaticanelle opère

italiane non teatrali inversi

Volume I

Thèse présentée en vue de l'obtention du titre de Docteur en Philosophie et Lettres

(GROUPE: PHILOLOGIE ROMANE)

sous la direction de H. le Professeur

Pierre Van Bever

1979-1980

(3)

UNIVERSITE LIBRE DE BRUXELLES

FACULTE DE PHILOSOPHIE ET LETTRES

Michel Bastlaensen

L'ARIOSTO EI COLORI

Studio suir espressione cromatica nelle opère

italiane non teatrali in versi

Volume I

Thèse présentée en vue de l'obtention du titre de P\ ^ 4 0 \PQ_

Docteur en Philosophie et Lettres V i ^>J0- ^

(GROUPE: PHILOLOGIE ROMANE)

sous la direction de M. le Professeur

Pierre VanBever

1979-1980

(4)

INDICE ANALITICO GENERALE.

PREFAZIONE XJ

PARTE PRIMA.

CAPITOLO I: IL PROBLEMA: COLORE, LINGUA, LETTERATURA 2

§ 1.- Colore e luce; concezioni prescientifiche(2).-

§:2.- Alcuni dati oggettivi, tecnici e psicologici a prbposito del colore(4).- § 3.- Espressione linguis- tica del colorei Primo problema: varietà e discordanze nelia segmentazione del continuum cromatico secondo le lingue; schematizzazioni, convenzionalità, ecc.

(7).- § 4.- Secondo problema: i nomi dei colori; va rietà dei loro raggruppamenti e associazioni (9).- -§5.- Nomi di colori e oggetti: complessità délia relazione(13).- § 6.- Differenza essenziale tra es pressione pittorica e linguistica del colore: peri- coli délie assimilazioni abusive(18).- § 7.- Lo scrittore e 1'espressione del colore; oscillazione tra due poli: ricorso ai termini cromatici spécifie!

e tradizionali, oppure volontà di comonicare la sen- sazione colorita con altri mezzi, giudicati più fini e fedeli(21).- § 8.- Peso délia tradizione nell'evo- cazione letteraria del colore(24).- § 9.- Conclusione.

Evocare i colori in un'opera letteraria è adottare un certo atteggiamento di fronte al mondo, e affer- mare una presa di possesso di questo(27).

CAPITOLO II: I COLORI E LA CRITICA ARIOSTESCA. .31,

§ 1.- Introduzione (31).- § 2.- Attenzione rivolta all'aspetto simbolico del colore(31).- § 3.- "Colore"

e termini affini usati in modo figurato e non propria- mente cromatico; si applicano ail'opéra complessiva, al lavoro del poeta, al "mondo"da lui creato, al lin- guaggio e allô stile, ai personaggi, agli episodi, ecc.

(34).- S 4.- Raffronti tra l'Ariosto e le arti figu rative contemporanee dal punto di vista del colore (49).- § 5.- Il nodo del problema: lo studio dell1

4 9 4 1 \) i

o

(5)

III.

espressione del colore, in senso proprio, corne ele- mento stilistico. Cio ché la critica ha detto in pro- posito(61).- § 6.- Conclusione. Relativa discrezione délia critica a proposito del colore ne.ll'opéra arios- tesca, e assenza di studi d'insieme. Programma délia nostra ricerca(80).

CAPITOLO III: I MEZZI LINGUISTICI DELL'ESPRESSIONE CROMATICA.... 85

(I) I mezzi espressivi del colore nell'opéra ariostes- ca. § 1. In-troduzione (86).- A) AGGETTIVI. § 2.- Pre- dominanza di questa categoria; criteri di classificazio- ne(87).- § 3.- Aggettivi cromatici classificati secondo paradigmi(88).- § 4.- Prôblemi suscitât! da alcuni di questi aggettivi(90).- § 5.- Designazioni aggettivali generiche del colore(93').- § 6.- Numéro totale di agget tivi cromatici(94).- B) SOSTANTIVI. § 7.- Rapporti di questa categoria con la precedente(94).- § 8.- L'agget- tivo sôstantivato e il suo meccanismo(95).- § 9.-

Tipo: articolo + aggettivo(96).- § 10.- Tipo: Nome proprio + articolo + aggettivo (97).- § 11.- Tipo:

preposizione + aggettivo (98).- § 12.-Aggettivo sôs tantivato senza indizio grammaticale(99).- § 13.- Sostantivi astratti di colore, con suffissi(lOO) .-

§ 14.- Il sostantivo colore(lôl);- § 15.- isolato, o accompagnato da determinativi(lOl);- § 16.- quali- ficato da un aggettivo non cromatico(102) ;- § 17.- da un aggettivo cromatico(103); - § 18.- da un comple- mento preposizionale o relativo(104).- § 19.- Designa zioni cromatiche del tipo: sostantivo + preposizione + sostantivo di colore(105).- § 20.- Uso di materie colorite: elenco e classificazione(108).- § 21.- In- finiti sostantivati(llO).- § 22.- Conclusione sui sostantivi di colore (111).- C) VERBI. § 23.- In- troduzione; elenco (112).- § 24.- Osservazioni in proposito(113).- § 25.- Verbi indicanti l'oscurità e la chiarezza(114).- § 26.- D) ALTRI MEZZI ES

PRESSIVI, non ripresi nel totale dei rilieyi statis- tici(115).- §•§ 27-28.- Totale dei diversi mezzi espres sivi; considerazioni statistiche in proposito(117) .-

§ 29.- Setnplicità dello schéma cromatico ariostesco e conformità aile idée contemporanee( 120).- § 30.-

(6)

IV.

Scarse sfumature e gradazioni nei colori arios teschi: negli aggettivi(121), - § 31.- e nei sos- tantivi. Conclusion! in proposito(123).- § 32.- Conclusioni su tutta la prima parte ; credenza a colori "archetipiali" ; semplicità complessiva del colore ne11'opéra ariostesca(125 ).

Il) Le espressioni cromatiche dell'Ariosto con- frontate con quelle del suo tempo.- § 33.-Intro- duzione(126).- § 34.- Espressioni cromatiche inesis- tenti nei '500(127).- § 35.- Espressioni cromatiche attestate prima dell'Ariosto, ma non usate da lui (131).- § 36.- Espressioni cromatiche apparse nei '500, ma non usate dalL'Ariosto. Conclusioni: certa sobrietà e mediatezza(l36).- § 37.- Un'illustrazione di queste tendenze: i colori spécifie! del mahto del cavallo(138).

III.) I colori ariosteschi costituiscono un sistema?

§ 38.- Problemi metodologici(139).- § 39.- Eviden- ziazione di cérte polarité nella scala dei colori (140).- § 40.- Altre tendenze sistematiche eventuali.

Il caso particolare del verde(141).- § 41,-Cautela nell'analisi. I colori "superlativi"(l42).- § 42.- Alcuni usi sistematici nelle espressioni cromatiche (143).- § 43.- Ripartizione délie espressioni di co lore secondo la loro valorizzazione positiva o nega- tiva(144).- § 44.- Conclusione di questa parte: scarsa

sistematicità dei colori nell'Ariosto(146).

§ 45.- Conclusione del capitolb: semplicità, media-

tezza, volontà di usare in un certo modo elementi semplici e owi(147).

PARTE SECONDA.

CAPITOLO IV: I COLORI NELL'ARALDICA E NEI VESTITI... 149

§ 1.- Araldica cavalleresca. Raggruppamenti di in- segne. Insegne isolate. Cambiamenti d'insegna. Ri- ferimenti alla simbolica cromatica contemporanea.

Insegne nazionali. Funzione conoscitiva e diacri- tica délie insegne(149).- § 2.- Il cromatismo dei

vestiti all'infuori délia sfera cavalleresca. Ten-

(7)

V.

denza, anche l£, al simbolismo(180).- § 3.-Il

lutto(189).- § 4.-Araldica eccles!astica: pare che il colore vi si risolva in derisione(200).-

§ 5 . - 1 colori dei vestiti sénza intenti sim-

bolici(212)^6.Funzione di questo geruere di co

lore 'ne11'opéra: importanza narrâtiva ; impor- tanza psicologica; creazione di un'atmosfera (218).- § 7.-Conclusione(231).

CAPITOLO V: I COLORI NEL MONDO ANIMALE . .. .. 235 ,

§ 1.- Introduzione: ripartizione dei colori(235) .-

§ 2.- Cavalli e cavalcature(236).- § 3.-Uccelli(245)

§ 4.- Altri animali(251).- § 5.- Conclusione; scarsa

produttività crômatica in questo campo e subordi-

nazione ad altre considerazioni, specie araldi- che(254).

CAPITOLO VI : I COLORI NEL MONDO VEGETALE 258

§ 1.- Introduzione: mezzi espressivi e riparti zione dei colori(258).- § 2.- Tendenza naturale

al pleonasmo délie qualificazioni crômatica ap-

plicatfi. a questo campo; il pleonasmo gênera una

più grande pregnanza(260), - § 3.- o rivela anche

un atteggiamento "platonico" davanti a questo mondo: i. végétal! sono colti nella loro perfe-

zioné, sub specie aeternitatis(262).- § 4.-Non è pero del tutto assente una visione evolutiva dei vegëtali, che si esprime mediante il co-

lore(266).- § 5.- Non gratuità del pleonasmo:

simbolismo e motivazione interna; connotazioni

(270).- § 6.- Applicazione al verde e agi! altri

colori vegetali(271).- § 7.-Importanza narra- tiva e stilistica del pleonasmo(277).- § 8.- Paradisi végétal! dominât! dal verde: America,

Regno di Alcina, Regno di Logistilla, Paradiso

terrestre, grotta di Angelica e Medoro; cor- rispondenze interne ed esterne. Relazioni all'interno dell'opera(281).- § 9.- Tendenza alla distribuzione binaria di certi colori

vegetali(297).- § 10.- ïnsiemi cromatici più

(8)

VI.

vasti délia binarità; enumerazioni(303).-§ 11.- Importanza del contrasto nei colori vegetali;

sua varia natura; sua importanza narrâtiva(308) .-

§ 12.- Fréquente uso epiteto del qualificativo cromatico: corrispônde alla tendenza al pleonasmo e conferma la visione "platonica" di cui sopra (315).- § 13.- Conclusione (318).

CAPITOLO VII: I COLORI NEL MONDO MINERALE. ...321.

§ 1.- Introduzione: ripartizione dei mezzi es- pressivi(321).- § 2.- Le piètre preziose: fre- quenza dell'enumerazione(323).-. § 3.- Il marmo, supporte dell'espressione artistica(332).- § 4.- I minerali "polverizzati": sabbia, polvere,ecc.

(342).- § 5.- Piètre e luce(346).- § 6.- Conclu- sione(347).

CAPITOLO VIII: I COLORI NEI FATTI GEOGRAFICI E NELLA LORO DESIGNA-*

ZIONE . ; 350.

§ 1.- Introduzione: le designazioni geografiche in génère; tarità. délie vere qualificazîoni cromatiche in questo campo e loro sedrso valore espressivo(350) .-

§ 2.- Designazioni geografiche: il Mar Rosso e qualche altr.o raro caso(351).- § 3.- Realtà geografiche: il mare e i fiumi; discrezione crômatica(355).- § 4.- Più grande frequenza dei qualificativi luministici (358).- § 5.- Conclusione(363).

CAPITOLO IX: I COLORI E IL CORPO UMANO. A) CARATTERI PERMANENTI... .364.

§ 1.- Il colore corne indizio di razza ; rélativa ra- rità délie qualificazioni cromatiche a questo scopo (364).- § 2.- Canon! cromatici di bellezza, appli- cati soprattutto al corpo femmih!le(371).- § 3.- II viso(374).- § 4.- Le altre parti del corpo;

loro rélativa indeterm!natezza(382)....- § 5.- I capelli; varia valorizzazione dei dlversi colori (385).- § 6.- Convehzionalità délie qualificazioni cromatiche(396), - § 7.- ma originalità nell'uso ariostesco di questi materiali. Contrapposizioni:

Alcina e Olimpia; Cloridano e Medoro(400).- § 8.- Inserzione dei colori corporali in un contesto de-

dicato ad un altro argomento(4^°).— § 9.- Ricapito-

lazione(417).

(9)

VII.

CAPITOLO X: I COLORI E IL CORPO UMANO (seguito); B) CARATTERI

TRANSITORI 419 ,

§ 1.- La pallidezza, provocata soprattutto dalla paura(419); - § 2.- o dalla tristezza(434);- § 3.- o dallo sdegno; o ancora dall'emozione amorosa.

Fréquente alternanza tra la bianchezza e il ros- sore nei §§ 2-3 (438).- § 4.-Il rossore, provocato

innanzitutto dalla vergogaa(441); - § 5.- o dal pudore, forma spéciale e attenuata délia vergogna (449).- § 6.- Polivalenza dei sentimenti che pro- vocano il rossore; sovrapposizione fréquente dei

§§ 4 e 5... per non dire dell'ebbrezza!(454).-

§ 7.- Il rossore provocato dall*ira(460),- § 8.- e dallo sdegno(462).- § 9.- Qualificazione generica del colore rivelatore di un sentimento: "dipingcre, dipinto"(465).- § 10.- Il rossore degli occhi, ri velatore dell'ira, e del dolore, tramite il pianto (466).- § 11.- La pallidezza provocata da una causa fisiologica: malattia, ferimento, morte (468).- § 12.- Le lividure(474).- § 13.- I colori sovrapposti al corpo umano: i cosmetici femmi- nili(476);- § 14.- il fumo e la fuliggine(480);

§ 15.- il sangue(480).- § 16.- Ricapitolazione (503).- § 17.- Conclusione dei capitoli IX e X (504).

CAPITOLO XI: I COLORI, LA LUCE E L'ATMOSFERA 509.

§ 1.- Delimitazione dell'argomento(509).- § 2.- I colori e la luce solare: il giorno, l'aurora e il crepuscolo(511).- § 3.- Merito stilistici dell'Ariosto(518).- § 4.- La notte: rarità délie evocazioni cromatiche al suo proposito(524).-

§ 5.- Luoghi bui: le spelonche, il ventre

délia balena(528).- § 6.- La luce nelle ténèbre (530).- § 7.- Le ténèbre che invadono il giorno:

la tempesta, la selva oscura, tutto cid che fa schermo alla luce(532).- § 8.- La nuvola, il vapore, il fumo(537).- § 9,-Conclusione(542).

CAPITOLO XII: I COLORI E I MANUFATTI 546.

§ 1.- Rélativa rarità délie qualificazioni croma tiche in questo campo; la maggioranza si riferisce alla cavalleria(546).- § 2.- Il "foglio bianco"

(10)

VIII.

figurativo, légato alla guerra(548).- § 3.-

Evocazioni délie arti figurative; uso di ter

mini tecnici; pittura e seultura(549').- § 4.-

Altre qualificazioni di oggettt artistici o

artigianali: arco trionfale, mausoleo, padi- glione; tinfcoria; orificeria; le art! del mura-

tore e del falegname(557).- § 5.- Conclusione (563).

CAPITOLO XIII: I COLORI NELL' "ALTRO MONDO" ....565

§ I,_ introduzione: tendenza alla dicotomia bianco- nero(565).- § 2..- Il Paradiso e i suoi abitant!

(566).- § 3.- L'Inferno e i suoi abitanti(571).-

§ 4.- Conclusione(576).

PARTE TERZA.

CAPITOLO XIV: COLORI E SIMILITUDINI... .579 .

§ 1.- Introduzione. Terminologia e classifica- zione délie similitudini(579).- § 2.- Varietà

I: l'espressione di colore è il tertium délia

similitudine(583).- § 3.- Varietà II: l'espres sione di colore sta nei secondo termine(597).-

§ 4.- Varietà III: l'espressione di colore sta

nei primo termine(602).- § 5.-Mancanza di ori- ginalità délie similitudini ariOstesche, ma grande

libertà nell'uso délie font!(603).- § 6.- Altri meriti délie similitudini ariostesche. Tendenza

àll'espressione equilibrata(611).- § 7.- Ten

denza alla motivazione supplementare(617).-

§ 8.- Tendenza alla variazione rispetto agli

schemi prestabiliti(626).- Conclusione(629).

CAPITOLO XV: USI FIGURATI DEL COLORE 631,

§ 1.- Introduzione: in che senso si puo parlare

di uso figurato del colore(631).- § 2.- Traspo-

sizione sensoria: assenza délia slnestesi^i stricto

sensu, ma presenza sporadica délia "pseudo-

(11)

IX.

sinestesia"(632).- § 3.- Rélativa rarità délie qualificazioni cromatiche fuori del proprio campo specifico. Applicazione occasionale aile nozioni astratte: sia in senso intellettualistico(634),-

§ 4.- sia con connotazioni sentimentali, esteti- che, ecc.(638).- § 5.- Applicazione dei colori a un dato campo coh l'intenzione rivolta ad un altro: ad es. ai fiori per descrivere il corpo femminile; corne si passi alla hantise de la circularité dell'Ariosto(652).- § 6.- Conclu- sione(656).

CAPITOLO XVI: LE ESPRESSIONI DI COLORE NELLE TRE REDAZIONI DELL'

"ORLANDO FURIOSO" 659 .

§ 1.- Posizione del problema(659).- § 2.- I colori nelle porzioni lunghe soppresse dalle edizioni ul- teriori(664).- § 3.- Episodi introdotti nella reda- zione C (667).- § 4.- Episodi comuni ad A, B, C:cri-

teri linguistici e stilistici. Toscanizzazione. Ri- cérca dell'equilibrio e délia simmetria(670).-§ 5.-

Eliminazione délie "parole vuote" e délie espres

sioni troppo astratte e generiche(677).- § 6.- Eli-

minazione degli hapax e parole rare(682).- § 7.- Considerazioni di logica interna e di motivazione contestuale(685).- § 8.- Considerazioni esclusi- vamente cromatici. Con l'eccezione di un solo

caso, riducibilità a ragioni simboliche(700) .-

§ 9.- Conclusione(704).

CONCLUSIONE 707 .

NOTE • .71.4.

Note alla Prefazione ..715.

Note al Capitolo I...' 716

» " » Il 719.

" " " III 726.

•» " " IV 730.

» " " V... ....738.

" " " VI 740.

" " " VII 743.

" " " VIII ..744.

" " " IX 745.

(12)

X.

Note al Capitolo X 747.

" "' " XI 750.

" " " XII 752.

" " " XIII ..754.

" " " XIV 755.

" " " XV 757.

" " " XVI 760.

BIBLIOGRAFIA 765.

Awertenza 766.

I) Opère dell'Ariosto 767.

II) Critica ariostesca 769.

III) Studi sul colore dal punto di vista lin-

guistico, stilistico e letterario 776.

IV) Studi sul colore da un punto di vista non

esclusivamente linguistico o letterario 777.

V) Linguistiea.Stilistiea. Teoria, critica e

storia letteraria. Retorica. Testi lettera-

ri ; ecc 778.

VI) Storia. Storia dell'àrte. Storia délie idée.

Storia délie religion!. Filosofia. Antropolo-

gia culturale,ecc 781.

Indice alfabetico 782».

indici

725-

I) Indice dei nomi propri di persona 786

II) Indice ariostesco "^38

(13)

PREFAZIONE.

Per chi sCrive queste pagine l'Ariosto rappresento un vero e proprio "colpo di fulmine". Rivelatpgiisi tard!, sui diciannove anhi, e fuori di ogni schéma scplastico, il poeta del cor sereno,

il cantore sensuale délie belleaze rinascimentali, il divertito ironista delié debolezze umane e lo spietatp canzonatore dei preti determino subito un grande entusiasmo e un forte attaecamento. Solo

più tardi quell'entusiasmo avrebbe trovato una strutturazione filo- logiea e un fondamento ràgionato grazie ad alcuni cors! universitari,

quelli soprattutto de! professori Van Bever a Bruxelles e Barzanti a Siena. Frutto di questo entusiasmo ràgionato furono, qualche anno dopo, alcune pubblicaziôhi di argomentp ariostesco, che trovarono un'accoglienza abbastanza grata presso parecchi Ariostisti. Il présente lavoro va duhqùe situato nella continuità di una preoccu- pazione lunga e fedele, di un impegno e d! que lia che si puo dire una vera passione.

Quanto alla seconda parte del titolo da no! scelto, il colore, si tratta di una realtà non priva di ambiguità. Da un lato, forse più

che qualsiasi altra cosa, il colore cohtribuisce a dare l'impressione

délia vérité: un film a colori puo dirsi più "realista", più fedele

•â-II*originale di quanto non sia un film bianco e nero. Ma, d'altra

parte, non si perde mai di vista che quell1impresslone di verità

(14)

f.] XII.

Pr,e.

potrebbe anche essere una mera illusione più o meno eompiuta e riuscita Il colore, quindi, oscilla di continuo tra la verità e la menzogna, ed è forse questo a renderlo una cosa a più d'un rispetto affascinante e attraente ( )( ).

Non puo dirsi nuova l'attenzione rivolta al colore dal punto di vista linguistico, filologico, letterario: basta per convincersene dare una scorsa alla bibliografia pubblicata da Sigmund Skard in calée al suo fondamentale articolo, uscito poco dopo la seconda guerra mondiale. Questo interesse non è affatto diminuito dopo, al contrario. Si è assistito a un moltiplicarsi di studi d'insieme, al-

2

cuni dei quali usano i metodi più recenti délia linguistlcaC ); paral- lelamente, un numéro abbastanza rilevante di lavori studiano certi aspetti cromatici dei singoli autori, sia specificamente, sia nella

3

prospettiva più vasta délie sensazioni visive( ); e lp stesso in teresse è testimoniato da alcune tes! di laurea, tra l'altro in questa nostra Università(4). Inoltre, si direbbe che il colore abbia naturalmente una vocazione all'inchiesta pluridlsciplinare: pittori, storici dell'àrte, scrittori, critici, filologi, fisici, âstronomi, biologhi, chimici, psicologhi se lo rivendicano corne bene proprio.

Lûngi pero da generare una stérile concorrenza, questa pluralité ha dato luogo spesso à una proficua collaborazione e alla pubblica- zione di alcune opère collettive, corne 1'Eranos-Jahrbuch n° 41, in- titolato appunto The réalms of cblour, la Internationale Biblio graphie der Farbenlehre di Manfred Richter e la rivista Die Farbe diretta dallo stesso studioso( ).

( ) Tutte le note si trovano raggruppate alla fine di questo lavoro, pp.715 e sgg.

(15)

Pref-J XIII.

L'Arlosto, lui, non ha avuto questa fortuna (o disgrazia?).

Sul colore corne appare nella sua opéra si trovano solo osservazioni sparse e frammentarie, abbastanza limitate e fuori di ogni consi- derazione d'insieme propriamente crômatica; la stessa nozione appare poi segnata da una grande ambiguità, che impedisce od ostacola. seria- mente la sua operatività critica. Ci pareva, comunque, che ci fosse

li una lacuna da colmare; e a questo lavoro ci siamo accinto nelle pagine che seguono.

Lavoro che pressentiamo e sappiamo non privo di difetti più o meno gravi e soggetto a vari rimproveri. Tra questi, ve n'è perô almeno uno che vorremmo sin da ora respingère o, perlomeno, ri- dimensionare. Per decenni, la critica ariostesca è stata segnata o addirittura determinata dalla forte e rispettabile personalità di Benedetto Croce. Ora è évidente che le nostre premesse e il nostro metodo sono decisamente non crociani: noi partiamo dall'opéra stessa, anzi da certi suoi aspetti formali, miriamo a nient'altro che l'opéra, non cerchiamo dfintegrarla in una filosofia o ideologia, non vogliamo considerarla illustrazione di qualcos'altro; e inoltre, noi non ci sentiamo appartenere a una scuola, ancorché siamo tributario di diverse scuole. In Italia stessa, del resto, si è notata, in questi ultimi anni, una reazione contro quelia che si potrebbe chiamare — schematizzando— "manomessa crociana" sugli studi ariosteschi( ).

Sola, comunque, c'interessa l'opéra dell'Ariosto, o perlomeno quelia porzione che ci siamo fissato corne argomento di studio. Forse ci si accusera di miopia stilistica; sarà; ma la nostra è una ipotesi di lettura, una opzione di partenza; e speriamo di mostrare che il mosaico si ricostituisce in un insieme armonioso, che potrebbe for-

(16)

Pre-f.] XIV.

nire lo spunto a una nuova lettura —non dlciamo lettura différente-- dell'Ariosto. Cosi, almeno, vorremmo che fosse.

Nella speranza di raggiungere questo s.copô, abbiamo diviso

il nostro lavoro in tre parti ineguali quantitativamenté. La prima (cap.I-IÏI) è introdutti\/a, e mira innanzitutto a porre il problema

générale del colore in un'opera letteraria; vi si troVa inoltre una

specie di bilancio di cio che la critica ha detto a proposito del colore néll'opéra ariostesca: vorrebbe essere uno stato délia ques-

tione, che raduna cio che è sparso; infine, si esaminano i mezzi lin guistici usati dall'Ariosto per esprimere la sensazione crômatica.

La seconda parte (cap.IV-XIII) cerca di studiare il posto e 1'impor tanza del colore nei mondo fenomenologico, e il trattamento serbatogli

dal poeta. La terza e ultima parte (cap .XTV-XVI) ritorna aile es

pressioni eoloristiche prese in se, senza considerare più il campo a

cui si applicano, ed esamina il loro uso nella similitudine e nei linguaggio figurato. Infinè, si studiano le correzioni arrecate

dall'Ariosto aile espressioni di colore, il che tenderebbe a docu- mentare la sua attenzione e il suo intéresse in proposito, lungo i

sedici anni che separano il primo dal terzo Furioso.

Resta da rlngraziare sentitamente tutti coloro che hanno,

direttamente o indirettamente, portato il loro contributo a questo

studio: maestri, colleghi, amici, studenti. La mia gratitudine si

rivolge evidentemente in primo luogo al direttore di questa tesi,

il professor Pierre Van Bever, che ha speso tesori non solo di com- petenza e buon consiglio, ma anche e spprattutto di gentilezza e

pazienza.

(17)

PARTE PRIMA

(18)

CAPITOLO I..

IL PROBLEMA: COLORE, LINGUA, LETTERATURA.

SOMMARIO

i 1.- Colore e luce; concezioni prescientifiche.- $ 2.- Alcuni dati oggettlvi, técnici e psicologici a proposito del colore.- I 3.-Espressione linguistica del colore.

Primo problema: varietà e discordanze nella segmentazione del continuum cromatico secondo lé lingue; schematizza- zioni, convenzionalità, ecc. - S 4. Secondo problema: i nomi dei colori; varietà dei loro raggruppamenti e asso- ciazioni. - S 5.- Nomi di colori e oggetti: complessité délia relazione. - 8 6.- Differenza essenziale tra espres sione pittorica e linguistica del colore: pericoli délie assimilazioni abusive.- S 7. - Lo scrittore e l'espressione del colore; oscillazione tra due poli: ricorso ai teemlni cromatici specifici e tradizionali, oppure volonté di co- municare la sensazione colorita con altri mezzi, giudi- cati più fini e fedell. - S 8. Peso délia tradizione nell'evocazione letteraria del colore. - i 9. - Conclu sione. Evocare i colori in un'opera letteraria è adottare un certe atteggiamento di fronte al mondo, e affermare una presa di possesso di questo.

8 1. Elbanio disse a lei:— Se di pietade s'avesse, donna, qui notizia ancora, corne se n'ha per tutt'altre contrade,

dovunque il vago sol luce e colora... (O.F.,XX,40);

la battaglia duro sin a quella ora, che spiegando pel mondo oscuro velp,

tutte le belle cose discolora (O.F., II, 54).

In principio, c'è la Luce...

Senza la luce, è corne se i colori non esistessero.

Ce lo dicono i fisici, ce lo impone il senso comune, e al poeta sembra un'associazione del tutto naturale. Eppure, fino a Newton, si

trattava di tutt'altro che di un'evidenza: correvano le idée più strambe

sulla questione, né si temeva di separare nettamente la luce e il

(19)

Cap.I, il.J

colore. Né debbono illuderc£ certe affermazioni antiche, corne quella di Ugo dâ San Vittore: "Quid luce pulchrlus, quae cum colorem in se non habeat, omnium tamen colores rérum ipsà quodammodo illuminando colorât?"

( ). Anzi, a leggerla attentamente, non v'è riessun dubbio sulla separa- zione assoluta délie due nozionl. A un livello générale, si è potuto dire

che

pouf tous les philosophes des siècles précédents, la couleur a constitué un profond mystère, é pro pos duquel ont été formulées les idées les plus étranges et les plus divergentes, mais toutes basées sur le principe que la lumière et la cou

leur sont deux choses nettement distinctes l'une de l'autre(2).

In una visione prescientifica del mondo ~ in contrasto con

la nostra intuizione influenzata e "informata" dal progresso scienti- fico, il colore appare dunque piuttosto corne qualcosa di sovrapposto all'oggetto, corne una pelle o una scorza:

La couleur était une qualité de l'objet, et ceux qui parlaient d^écorces" pensaient que celles-

ci portaient la couleur avec elles^•.J Aux

esprits même les moins abstraits, il paraissait trop évident que la couleur était une certaine chose localisée à la surface des corps colorés;

une chose que la lumière pure, la lumière blanche du soleil, allait prendre lorsqu'elle

frappait les corps en les illuminant, et qu'elle portait jusqu'à l'oeil de l'observateur(3).

Questa strana concezione si riflette sin nella designazione stessa del colore: si tratta, in parecchie lingue, di termini la cui idea eomune è quella del "coprire". Cosi il latino color, alla base dei sostantivi romanzi corrispondenti, appartiene alla famiglia di occulere, "nascon-

dere"; cos^ pure il sanscrito varna- , da• vr- , "copriré". Quanto al greco y Plfi)lA*<L, si apparenta a j£f liJÇ ,"pelle, superficie"; e la stessa

idea rlappare nei rumeno fata (accantp a culoare). Altrove, più con- cretamente ancora, il termine per "colore" non si allontana molto da quelle che ihdica il pelo o le piume, in un certo senso i l "rivésti-

(20)

Cap.I, il 1-2J

mento esterno" degll animali: si pensi al lit. spalva, cfr.lat. spo- lium( ).

In quelle visione ingenua, il colore appare verameate corne una pelle, intimamente legata all'oggetto da essa rieoperto; visione peraltro rassieurante, in quanto ogni oggetto possiede, con certezza, un colore determinato, che gli appartifine in proprio. La funzione délia luce nome taie non eccede allora quella di un mero veicolo délie species visuales intentionalesC ).

8 2. Bisogna àspettare Newton, preceduto da Grimaldi (1618-1663), e poi la fotometria e la spettrometria, per sapere non solo che il colore è inseparabile dalla luce, ma anche che il colore non è altro che la luce stessa, percepita secondo certe modalité.. Spin- gendo un poco il paradosso, si è addirittura potuto dire che non esisteva il colore, bensf" soltanto dei corpi che assorbono certe radiazioni luminose e ne rigettano altre, provocando cosi la sensa- zione del colore( ). Nient'altro dunque che una maggiore o minore sensibilité a determinaté lunghezze d'onda délia luce: a quelle cioè che sono comprese tra ca. 700 e ca. 400 m»* e che, scomposte ad es.

dàl prisma di Newton, costituiscono lo spettro, un continuum visivo che si puo dividere convenzionalmente in un certo numéro di zone

inuguali, a seconda délia loro lunghezza d'onda dominante ( >^»),

facendo corrispondere a clascuna un nome di colore. Si ottiene allora una tabella del génère di questa, dovuta ad Abney( ):

rosso fine spettro a 620 m^.

arancione 620 a 592 mK

giallo 592 a 578 m|--

verde 578 a 513 m^

verdazzurro 513 a 500 m[^

azzurro 500 a 464 my^

oit remare 464 a 446 m j*-

violetto 446MK a fine spettro.

La lunghezza d'onda dominante, ci dicono i fisici, è una délie

tre caratteristiche fondamental! di un colore. Le altre due sono:

(21)

Cap.I, S 2

•J

5.

l'intensité o luminanza, che è quella a cui ci riferiamd parlando di un colore chiaro o fosco;e la purezza colorimetrica o saturazione. per cui un colore vien detto puro o saturato o, nei caso contrario, lavàto, lan- guidp o smorto; la saturazione è inversamente proporzionale alla quanti-

g

té di bianco che un colore contlene( ).. Per le diverse cômbinazioni

délie ultime due caratteristiche, l'uso linguistico corrente adopera certi termini sintetici, che si possono riassumere pressapoco in questa

tabella( );

1) Lunghezza d'onda do minante (X ):

2) Luminanza:

3) Purezza colori- metrica:

rpssp

puro

(saturato)

-> violetto

fosco

sfumato

lavâto

(languido,smorto)

D'altra parte, g11 studi e l'esperimentazione sulla percezione dei colori, corne gié molto prima i mestieri del tintore, dell'incisore e dellp

stampatore, portarono a una certa semplificazione in questo mondo croma

tico, in quanto stabilirono il carattere fondamentale di soli tre colori, il rosso, il verdegiallo e 1'azzurro, capaci di generare tutti gli altri per sintesi sottrattiva o additiva: con l'azzurro il rosso dé il violetto,

col verde il giallo, questo a sua volta c'oll 'azzurro ricostituisce il

verde, ecc. Se il nostro occhip puo percepire un gran numéro di colori, è perché la morfologia délie cellule délia Jjpstra retina è taie da per-

mettere una combinazione di queste tre tinte fondamentali( ).

(22)

Cap.I, § 2.1

Paradossalmente, partendo da questa scarna triade, l'occhio normale è suscettibile di percepire un numéro tremendamente alto di colori, classificati dagli specialisti in certe ingegnose costruzioni, non prive talvolta di un loro fascino architettonico e poetico. Si prenda, ad es., il "doppio cono" di Ostvald: due coni si toccano per la base, sulla cui circonferenza sono distribuiti i sette colori

"puri" dello spettro; una délie sommità porta il bianco, 1'altra il nero, e l'asse che le unisce tutte le tonalité interraedie del grigio.

Tra questi capiéaldi c'è posto per un buon railione di colori diversi, tutti percepibili, sebbene l'osservatore normale non sia capace di

situare un colore isolato a un determinato posto( ). Anche il "so- lido dei colori" di Munsell, specie di mosaico multicolore a forma cilindrica, tende allô stesso fine(12).

E' chiaro, d'altra parte, che per l'osservatore tutti quei colori non hanno lo stesso valore, lo stesso rilievo. Cosi, molto prima che se ne occupassero i teorici del colore, i pittori si erano gié valsi appieno, ad es., del carattere "saliente" o "sporgente" del rosso e di quello "fuggente" del verdazzurro, che possono anche venire concretizzati da certe esperienze molto semplici(13). Al livello pu- ramente psicologico poi, esistono colori "prediletti" e "odiati", un

fenomeno non attribuibile esclusivamente alla fantasia individuale:

si awertono larghi consens!, e le variazioni che si notano tengono apparentemente più ail'été del soggetto che alla sua appartenenza

geografica e culturale: l'azzurro occuperebbe il primo posto, seguito, con qualche reticenza, dal rosso, mantre non godono un gran favore il violetto, il verde e il bruno(14). E' anche un fatto notissimo l'effetto esercitato sull'organismo e sulla psicologia da certi co lori: il potere eccitante del rosso, appagante del verde cupo, réfrigérante dell'azzurro, ecc.( ).

Questi pochi richiami mostrano a sufficienza, se ancora ce ne fosse bisogno, il carattere straordinariamente complesso, sia dal

(23)

Dap.I, 88 2-3.1

punto di vista quantitativo che qualitativo, di quel fenomeno

"colore", in mezzo al qnale viviamo e che cohdiziona tutta la

nostra esistenza.

7.

§ 3. Se dagli aspetti fisici, fisiologici e psicologici del co lore passiamo a quello puramente linguistico, le cose non appaiono più semplici. Ammesso che la série dei colori costituisce un continuumX ), la lingua divide questo continuum in un certo numéro di porzioni o segment! cui fa corrispondere, non evidente mente dei limiti espressi in lunghezze d'onda, bensi un determinato nome. Naseono cosi due ordini di probleml: 11 primo relativo a questa segmentazione del continuum, il secondo alla provenienzà e parentela dei termini assegnati a ogni segmento.

Per quanto riguarda la divtsione dello spettro in più settori, secondo designazioni linguistiche, si sa che questo prodedimento non ha nessuna base oggettiva: oltre all'osservazione fisica, ce lo in- segna il fatto che le lingue non operano tutte una stessa e identica segmentazione. Si ricorderé evidentemente l'esempio divenuto classico di Hjelmslev a proposito dei nomi di colori in gallese e in inglese, tra i quali si nota una discordanza per i termini ihdicanti il verde e l'azzurro. Schematicamente, si ha, da una parte e dall'altra:

Clngl.) (gall.)

green

gyyrdd glas

blue gray

llwyd

brown

(u)

si tratta affatto di un caso isolato: esaminando la questione in russo e in latino, si awertono discordanze analoghe:

(24)

Cap.l, S 3.J

it. r m s s o lat.

verde zelënnyj viridis

glaucus,

caeruleus

blu sinij

goluboj

(18>

Si sa, daltronde, con quale finezza certe lingue bantù, pur non sapendo nominare un colore tanto owio, ai nostri occhi, quanto il giallo, distinguono le diverse sfumature del bruno, ad es.: disporreb- bero a questo fine di non meno di un centinaio di termini(

19

); e anche gli americanisti hanno fornito osservazioni del tutto analoghe(

,20.

).

Si pensi pure ad alcune incertezze e confusioni trasmesse, con perplessitè,

dagli stessl Romani(21).

Gli esempi précèdent! bastano a mostrare quanto la segmentazione dello spettro sia un fatto arbitrario e differisca secondo le lingue e le

culture. Pero, di qualunque tipo siano le sezioni cos^ individuate nei con

tinuum dei colori, un fatto è sieuro: rispetto alla realté crômatica, la lingua ha un'azione semplificatrice: è chiaro che nessuna lingua dis- pone di un vocabolario in proporzione con l'immensa quantité dei colori

del mondo ottico: indi, nelle parole dello Skard,

the expression in words is bound to semplify,

exaggerate, and eut away the finer distinctions( ), In compensazione, la lingua stessa organisza e agevola in un certo

senso la percezione crômatica del parlante, in quanto, ad es., assegna in modo duraturo a un oggetto un colore determinato: il foglio di car- ta è detto, pensato e visto bianco a qualsiasi momento del giorno e

délia notte, anche se, obiettivamente, è grigio, rosso, rosato, ecc.,

a seconda délie ore e délia luce. Si realizza cosi un'indispensabile economia di espressione e di pensiero; inoltre, si assicura in questo modo la continuité délia percezione — e del comportamento in gene-

rale(23). Non è neanche ingiustificato affermare che noi non vediamo

(25)

Cap.I, §§ 3-4J 9-

realmente i colori délia natura, ma non facciamo altro che ricordaréene:

L'homme de la rue voit la neige blanche, l'herbe

verte parce qu'il se souvient et qu'il ne regarde pas et parce qu'il a à sa disposition une langue

où le vert est distinct du bleu. La notation se rait différente dans le grec ancien ou le japonais

qui confondent le bleu et le vert(24).

In conseguenza, per esprimere il colore, il soggetto parlante e, a fortiori, lo scrlttore avranno a disposizione un materiale piuttosto li- mitato -- pochetkcine di termini, a essere ottimisti; e questi termini,

inpltre, sono generici, astratti, logori, lontani dall'esperienza diretta, yiva e autentica délia percezione sensoria* Quindi, tra i problemi

che gli si presenteranno a questo proposito, se ne troveranno di questo génère: Vale la pena usare uno strumento cosif trito e "banalizzato"?

Corné fare a infondere una vita nuova, a dare un significato più genuino, più "primitivo", più autentico? Gosa scegliere: usare quel materiale logoro come una "certezza erronea, ma benefica"( ), oppùre cercare di ricreare l'illusione di un'"esperienza vergine"? E' chiaro che questi problemi — "donner un sens plus pur aux mots de la tribu" — sono quelli fondamental! di ogni creazioné letteraria, ma che forse presentano qui un'acuité particolare.

§ 4. Il secondo problema legato a questa segmentazione del çonti- nuum cromatico riguarda i procedimenti di nominazione dei sin- goli colori, ossia l'origine e parentela dei termini di colore. Sono stati eseguiti parecchi studi in proposito, parte dei quali gié an-

tict|i(26) • Se le loro conclusioni non sono sempre perfette né indis-

cutibili, i materiall raccolti sono spesso validi e permettono di fare

certe osservazioni intéressant!.

Prima di tutto, la terminologie crômatica studiata a un certo momento ha conservato spesso le tracce di una segmentazione diversa e

più antica dello spettro, come si è detto nei paragrafo précédente. Cosi,

a restare solo nella famiglla indoeuropaa, gié si è visto lo statuto

(26)

Cap.I, § 4.1

10.

particolare del gallese (e del bretone) glas (irl. glass), a eavallo del verde, dell'azzurro e del grigio; ma non è difficile trovare altri esempi analoghi. Particolarmente complessi, o perlomeno varieggiati, appaiono i

termini indicanti l'azzurro, che ci proiettano senza pausa verso i colori

più diversi, dal bianco al nero, passando dal giallo, dal verde e dal grigio. Si pensi all'italiano blu ( dal fr. bleu, sec.XVIII), derivato,

in ultima analisi, dal germanico (cfr. a.ted.ant. blao ed equiv.nelle

lingue gerra. mod.). Dra si tratta di una radiée che si ritrova nei lat.

flavus "giallo" e florus "biondo", nell'ant.norv. blamafrr e l'isl.mod.

blamàSur, "negro"; délie designazioni lettoni dell'azzurro, l'una, melns (cfr.lituano mélynas) rinvia a£ gr.^fc>*£"nero", l'altra, zil, allô

si. eccl. zelenu, "verde"; anche la radice che si trova nello sl.eccl.

sinï, "azzurro"(cfr.russo sinij, ecc), l'ant. ingl. ha^wen, l'irl.

ciâ"r,"fo3co, bruno", il lit. syvas, il sanscr.çyàma- "nero", ecc, rinvia

a uno stadio in cui l'azzurro e il nero non erano ancora linguistica-

mente differenziati; ma l'ant.norv. hârr, reàato con queste parole, significa "canuto" e aumenta ancora l'imprecisione crômatica. E anche

il rum. albastru "azzurro" allude a una forma particolare di bianchezza cfr.rum.alb, "bianco")(27).

Più sintomatico ancora è il caso del giallo e del verde. Una gran

parte, se non la maggioranza, dei termini derivati dalla radice

H

ghel-

sono comuni ai due colori; si hanno poi due série di designazioni spe-

cifiche, quelle del verde relate alla vita végétale, quelle del giallo

al nome di diverse materie di color giallo, con a volte degli scavalca-

menti con l'insieme ""ghel-"; di questi termini specifici si dire più

tardi. Per ora, si potrebbe costruire uno schéma di questo tipol

,28.):

Spec

"verde"

viridis.

grUn, ecc.

(cfr.infra)

"verde"

IE. fthel-

"giallo"

gr.^u>^<,< ,irl.

gall.bret. glas, lit .Sfalias, lett.

za 1 ' s.s1 .eccl.

zelenu (russo zeleny1),ecc

a.ted.ant. gelo ed equiv.gerM;mod.,lit.

geltonas, lett.dzel- tâ*ns, si .eccl .zlityt (russo zeltyj), av.

zari-,zairita-,ecc.

sanscr. harita-

lat. galbinus

Spec.

"giallo"

irl.buide, sp. amarillo, ecc .(cfr.

infra).

(27)

Cap.I, §4.J 11.

Finalmente, da questa che saremmo tentato di chiamare "indeter- minatezza crômatica" (ma non è probabilmente un'espressione del tutto adeguata, perché fuori di una certa epoca e di una certa visione del mondo), si salva un solo colore, che è il rosso: la maggioranza dei ter- mini che servonoa indicarlo risalgono a una radice indoeuropea reudh-.

Ma le cose non sono poi tanto semplici, giacché altre sue designazioni sono

apparentate al nome di una materia colorante (cfr.pers. sorx, lett.

sarkans; si.eccl. cruminu; sanscr. rakta-, ecc), di un grado di lumi nosité (cfr. irl. derg, ant.ingl. deorc, "scuro"), o addirittura di una realté extra-ottica e piuttosto astratta (cfr.russo krasnij,"rosso",

r^ krasivij, "bello")(29).

Questi fatti, come anche le realté fisiche riassunte . sopra, nei

§ 2, riehiamano 1'attenzione su un'altra caratteristiea délie designazioni colorite a uno stadio antico dell'indoeuropeo, cioè che

la notazione dell'intensité délia luce e délia sua variabilité prévale su quella propria- mente qualitativa: infatti le radici da cui

si originano nelle varie lingue i termini di colore, hanno tutte un valore nettamente luministico(30).

Quest'ultima affermazione è largamente comprovata da esempi conereti, che

si trovano soprattutto nella sfera del bianco; si pensi al greco A6i/t*0S""

cfr. lat. lux, lucere, sanscr. rue- "brillare", ecc; sanscr. çveta-, av.

spaeta-(pers. sapid), cfr. si.eccl. svetu "luce", ecc( ). Peggio per la simmetria, questo fatto si puo controllare in modo meno esemplare nei termini indicanti il nero, i quali si riallacciano non di rado aile no- zioni di "sporeizia" (cfr.lett. melns, "nero" e "sporco"; sanscr. mala-,

"sporco", kalana-, "sporeizia"; gotico swarts ed equiv.germ.mod., cfr.

lat. sordes, sordidus, ecc), oppure a quella di "non visto, invisibile"

(cfr. greco mod. [*-»LV/£o£ <&fu*-*PoJ,"non visto"; irl. dub, "nero", cfr.

gr. TV^M^f'cieco, scuro"), o ancora a quella del fuoeo e del fumo (cfr.

forse lat. âter, av. âtars, "fuoeo"; irl. dub, gr .TV^/"fumo", lat.

fuscus, ingl. black, cfr. lat. flagrare, ecc). Non manca qui, per l'uomo moderno, qualche sorpresa: cosi l'origine eomune di certi termini indicanti

(28)

Cap.I, S 4

J

12,

il bianco e il nero (cfr. ant.ingl. bia£>ct med.ingl. blak, ingl.mod.

black, ma it. bianco, ecc), che si fanno risalire ail'a .ted.ant.

blecchen, med.a.ted. blecken, "essere visibile, far vedere", i quali

sarebbero a loro volta relati al lat. flagrare e all'ol. blaken,

"bruciare", ecc. La stretta associazione del bianco e del nero si

ritrova pure nei lit. kers^as "bianco e nero", kerse "vacca macchiata",

cfr.si.eccl. crunu, sanscr. krsna- "nero", ecc( ).

Certe altre associazioni tra le qualité luministiche e i termini di colore possono apparire ancora più inattese. Célèbre è il caso del

gr. no£CPl/^60f>"purpureo", apparentato, come si sa, al noto mollusco

e a un dato procedimento tecnico, ma più fondamentalmente da riallacciarsi

i

al verbo txoPCpVPW "esercitare movimenti intensi sul posto", indi

"trasmutare di luci e di tinte", "dalla luminosité cangiante", ecc;

/'

il significato ben determinato di "rosso" viene soltanto dopo; difatti,

il mollusco esposto alla luce solare prendeva quella tinta caratteristiea soltanto dopo essere passato, per rezione fotochimica, attraverso i

colori giallo, verde, verde-blu, blu scuro, violetto(

33

). Un altro esempio di quelle strane associazioni è il gr. »£•£%Q$ "bianco" ma anche

"veloce", termine particolarmente rivelatore dell'"unité originaria

dell'intuizione movimento-luce"(34), e paragonabile a una parola italiana

come guizzo, in cui le due nozioni sono pure inseparabili. Quanto

ail'irl. gorm, "azzurro", sarebbe addirittura da mettersi in relazione

con la nozione di "incandescenza"(cfr.sanscr. gharma- "essere incan

descente, pers.mod. garm "caldo", ecc.) Né a queste si limitano certo

le illustrazioni délia preponderanza énorme esercitata dalle designazioni luministiche nella storia dei termini propriamente cromatici.

A un'associazione tanto stretta sarebbero poi da attribuirsi certi altri fatti, come 1'apparizione tardiva di designazioni précise,speci-

fiche e astratte per i diversi colori, nonché, forse, il legame a volte strano fra il colore e i giudizi di valore. Scrive a questo proposito

la D'Avino che

(29)

Cap.I, §S 4-5.] 13.

tanto meno urgente doveva essere il bisogno di

astrarre taie qualité fscil. il colore J, quando

di essa vehiva a prefereriza rilevata la nota più generica, cioè la luminostité: i due fatti appaiono psicologicamente connessi e coerenti, perché se la qualitA cploristica di un oggetto

veniva awertita come costitutiva essenziale

del suo àspetto esteriore, tanto da non richie- dere una distinzione linguistica, si splega come di un oggetto "splendente" p "bello" fosse percio stesso inteso il colore ricco di luce, e che le qualité négative come l'oscurità, l'opa cité e simili si associassero a colori poveri di luce(35);

e dé come esempi la nota coppia russa krasnij "rosso" e krasiyyj "bello", nonché una divisione cosmologica indu i cui tre élémenti sono rispettl- vàmente il rosso e mobile, il bianco, luminoso e leggiero, e il nero, tardo e ottuso( ).

C'è poco da obiettare al primo punto, cioè il carattere non indis- pensabile di una designazione specifiea del colore, strettâmente cohnesso con 1'oggetto colorito, e la prevalenza délia notazione lumlnistica; in altri termini, dell'erba o délia ciliegia è inutile dire che sono rossa o verde, perché questo fatto è risentito come un'evidenza, una qualité

intrinseca dell'oggetto. Ma quanto aile cbrrispondenze tra colori e giu-

dizi di valore, la soluzlone proposta qui ci pare un po1 semplicistica, in quanto considéra giè paclflca, deflnitiva e "naturale" la connotazione morale e il valore simbolicb di certi colori, la cui origine è poi un

tutt'altro problema, che rischia di essere alquanto più complesso e intricato

—ma che, comunque, non è nostro In questa sede.

8 5. Quello invece che la D'Avino mette particolarmente in evidenza nell'ultimo passo citato è un altro carattere importantissimo nella designazione del colore, cioè la parentela di raolti termini

(30)

Cap.I, §5. J 1*.

cromatici con il nome di certi oggetti. Si sa di che cosa si tratta: per

indicare un certo colore, si prende — ed eventualmente si adatta — il nome di un oggetto che possiede in maniera più o meno permanente, carat teristiea o tipica il colore considerato. A dire il vero, presentare il

procedimento in questo modo sarebbe già prendere posizione in favore di

una determinata visione délie cose, la quale pecca per soverchio schema- tismo. Difatti, a considerare certi termini cromatici moderni come arancio, rosa, malva, tabacco, o addirittura ventre de biche, singe mourant o

Espagnol malade, non v'è duSbio che sono questi a provenire dagli oggetti

(lato sensu) omonimi, non si sa bene se per metafora o per metonimia; e l'industria moderna délie vernici e dei cosmetici continua a usare inten- sivamente questo meccanismo.

Disgraziatamente, la questione è molto meno chiara per quanto

riguarda le epoche antiche e preletterarie. Sono evidenti le connessioni

tra termini di colori e determinati oggetti, ma non si sa con certezza in quale senso si sia esercitata l'influenza, se dall'oggetto verso il colore o il contrario. Esiste la relazione, questo è sieuro; per il resto, non si puo affermare niente, e oceorre soprattutto diffidare dalle

conclusioni intempestive e dalle affermazioni incor£ollate( ). In

realtà, certi studi linguistici hanno mostrato a sufficienza che "i ter

mini di colore e le denominazioni degli oggetti di quel colore si tro- vano sullo stesso piano di formazione, e percio esiste fra loro un rap-

^ Q

porto che non è di derivazione, ma di reciproco scambio"( ). Cio detto,

si nota tra gli oggetti e i nomi dei colori una certa costanza e un consenso più o meno largo; e quelle corrispondenze non sono prive tal- volta di una loro poesia, che forse puo spiegare la permanenza e la riviviscenza di alcuni di questi usi nelle lingue moderne(39). Ecco, a mo' d'esetnpio, alcune di queste associazioni:

(31)

Cap.I, S 5.1

VERDE r ^ j

GIALLO r*J

ROSSO #*>J

15.

1) Vita végétale.

lat.viridis, cfr.lit, veisti "propagare", ant.

norv. visir "boccio", ecc.jted.grUn ed equiv.

nelle altre lingue germ.,cfr. a.ted.ant.

gruoan, ingl.grow, ol.groeien, ecc"crescere" ;

cfr .pure, con suffisso ^s., ol.gras ed equiv.,

"erba" e lat. grlmen ^ gras-men), ecc.

2) Cfr. GIALLO, infra.

1) oro.

a.ted.ant. gelo ed equiv.,"giallo", cfr.ingl.

gold ed equiv., "oro"; av. zairlta-"giallo",

zaranya-"oro", sanscr. hiranya-"oro", harita-

"giallo", slav.eccl.zlato "oro", zlïtu "giallo",

zelenu "verde".

2) bile.

gr.^A«>ÇoS "verde",cfr. fa^oÇ "bile";

germ.(ol.) geel, ecc. "giallo", cfr.germ.

(ol.)gal, ecc, "bile"; sp. amarillo,

port, amarelo, "colore di qualcosa di amaro",

scil. "délia bile" £> "giallo".

3) miele.

gall.,corn. melyn, bret. melen "giallo", cfr,

gall.,corn.,bret. mel, "miele".

1) Chermes.

gr.KoK*«V©£ < |Co IC Y-OÇf "grano" ; it.

cremisi, grana, ecc 2) rosa (flore).

rum. rosiu.

(32)

Cap.I, § 5.|

16,

3) ribes.

lett. sarkans, sârts "rosso", cfr.lit,

sartas, lat .sp.r-bum., "ribes".

4) verme.

lat. vërmiculum ^ fr.vermeil ; si.eccl,

cruminu "rosso", cfr. cirmi "verme".

5) mollusco.

gr. noff^oÇ ,ece,

AZZURRO fN-» 1) cielo.

lat. caeruleus ^ caeluleus «<^ caelum;

ant.ingl. hae.wen "blu", cfr. ingl .mod .heaven

"cielo"; poi. niebiski "a.zzurro", cfr.niebo

"cielo".

2) lapis lazuli.

pers. lajvard ^> ar. lazward ^ it.

azzurro, ecc.; gr. fcVoCttOf < KOpCV/oÇ , idem.

3) colomba.

russo gpluboj "azzurro", cfr. si.eccl. golabi

"colomba"; sanscr. kapota- "colomba", pers.

ant. kapautaka-, pahl. kapët, pers.mod.

kabud, "azzurro".

4) indaco.

sanscr. nTla- "azzurro",cfr. nill- "indaco".

BIANCO r\-» 1) luce.

cfr.sopra, 8 4.

(33)

Cap.I, 55.]

2) argento.

gr.<S:ejro£ cfr. ty»£OÇ ...

greco U<T/l£û£.

3) cigno.

lat. albus "bianco", cfr. a.ted.ant. albiz, ant. norv. elptr, "cigno".

NERO r\J 1) Fumo, fuoeo.

cfr. sopra, S 4.

2) sporeizia.

cfr. sopra, S 4.

3) inchiostro.

lat. atramentum ^ ater "nero"; ant.ingl.

blase, a.ted.ant. blach, ant.sved. blak,

"inchiostro", cfr.ingl.mod. black "nero";

si.eccl. crunu "nero, cfr. russo cernila,

"inchiostro".

17.

argento ; neo-

MARRONE r v

(BRUNO)

1) Castoro.

sanscr. babhru- "marrone", cfr. av.bawro, bawris, "castoro".

2) orso.

a.ted.ant. bero ed equiv.germ.mod. "orso";

cfr.a.ted.ant. brun ed equiv., "bruno".

(4°),

Oltre a queste associazioni che si perdono nella notte dei tempi e che, normalmente, non sono più awertite come tali nella coscienza del soggetto parlante, se ne trovano altre, non incompatibili con queste, ma più recenti, più attuali e più consapevoli. I colori cioè tendono ad asso- ciarsi prevalentemente a certi oggetti e a cristallizzarvisi; oggetti che

(34)

Cap.I, §§ 5-6J 18-

si potrebbero chiamare "portatori di colore" (Farbtrager)(

41

). Fréquent!, perlomeno nelle lingue delI'Europa occidentale, sono le associazioni tra

il rosso e il sangue, 1'azzurro e il cielo, il verde e le plante, il bianco e la neve, ecc.

Un corollario importante di questa situazione è che i due termini usati assieme generano quasi inevitabilmente una specie di pleonasmo; a tal punto che si è potuto dire che "cielo azzurro" e "mare azzurro" non significano niente più che semplicemente "cielo" e "mare"(

42

). Il fatto, comunque, è intéressante, perché l'utente délia lingua, e particolarmente il poeta, sarà sempre più o meno tributarlo di quelle associazioni bel!' e fatte, che non hanno più una grande fôrza espressiva; ma dal1'altro lato, giacché esiste il meccanismo associativo eolore-oggetto, puo anche sfrùttarlo per trovare altre associazioni, più o meno nuove e felici.

Si puo pensare ragionevolmente che si tratteré sempre di una dialettica tra la fedeltô obbligata a una tradizione preesistente e l'eventuale

desiderio di innovazione. Inoltre, si trova sottolineato cosi il fatto che il colore non è mai completamente un'entité àstratta e staccata dalle realté concrète, ma, al contrario, intrattiene con queste certi

rapport! complessi e più o meno stretti. Era cosi a uno stadio antico délie lingue e délie culture, e secoli e milenni di filosofia e di astrazione non hanno potuto cambiare questo. Né forse a caso, nei

secondo volume delle Ricerche loglche, è all'esempio del colore che riçorre Edmund Husserl per mostrare insieme i limiti del processo

d'astrazione e quelli délia "Phantasia"(

43

).

§_6.x A proposito di astrazione: a rischio di cadere nei truismi — ma non è mai completamente inutile rlpetersi, in questo campo,- per esprimere i colori, il poetà è costretto a servirsi dioarole. Cioè,

Figure

Updating...

Références

Updating...

Sujets connexes :